Roberto Formigoni dopo la condanna: “Ho solo 2.000 euro”

Formigoni , ex governatore della Lombardia – carica che ha coperto per ben otto anni – è stato condannato in appello a 7 anni e 6 mesi di reclusione per corruzione nell’ambito della vicenda San Raffaele – Maugeri.

Intervistato dal Corriere della Sera , Roberto Formigoni ha detto che, una volta appresa la decisione, è “ rimasto abbattuto. Ma abbattuto più per l’Italia che per me perché l’Italia una volta era la terra del diritto “.

L’ex Presidente della Regione Lombardia ha raccontato che “ mi si accusa di aver favorito la Maugeri e il San Raffaele con delle delibere di giunta e una legge. Sono tutti atti collegiali e condivisi che hanno coinvolto funzionari, l’assessore alla Sanità e i colleghi di giunta che l’hanno votata. Perché soltanto Formigoni “, sottolineando che “ da solamente non potevo far nessun atto di spesa. E successivamente gli atti hanno passato il vaglio di legittimità dell’avvocatura, del Tar, della Corte di Conti, del Consiglio di Stato. La legge sul no profit è stata votata anche dalla sinistra con la sola astensione di Prc perché è una ottima legge che risponde ai bisogni della gente “.

Alla luce di quanto accaduto, la vita di Formigoni è cambiata in peggio: “ Mi hanno sequestrato tutto . 6 appartamentini in comproprietà con i miei fratelli e 3 utilitarie. A giugno, la Corte dei Conti mi ha sequestrato l’intera pensione anche se la pensione è sequestrabile soltanto per un quinto. Ho fatto appello. Era la mia unica fonte di mantenimento. Non ho il vitalizio “, ha raccontato il politico di Lecco.

E adesso vive così: “ Ho fatto le vacanze da un amico e vivo in casa con altre persone. Avevo da parte 2000 euro per un viaggio. Li ho messi via. Mi auguro che la Corte decida presto
“.

loading...
(370 visite totali, 1 visite giornaliere)