Attrice di 23 anni si suicida dopo le accuse sui social

Ormai sempre più di frequente i social sono la causa di suicidio tra giovani: laddove si viene presi di mira da alcuni haters è difficile riuscire a superare la crisi dovuta alle offese e agli attacchi continui arrivati tramite la rete. Di frequente si sceglie la strada della morte per essere in grado di mettere la parola fine a molta sofferenza. E questo è quello che è successo anche ad August Ames , una giovane attrice di 23 anni che ha deciso di togliersi la vita a causa delle offese sui social network.

August Ames era un’attrice di film per adulti. La donna era stata fortemente attaccata dopo determinate sue dichiarazioni contro alcuni attori gay, che le erano valse le accuse di omofobia. L’attrice ha tentato di difendersi senza successo. La bufera mediatica su Twitter non si è fermata contro di lei, fino al suo ultimo tweet che recitava: “Fan*** tutto”.

Sono state queste le ultime parole scritte sui social, pochissime ore prima di morire. Si è tolta la vita impiccandosi, come confermato dalla Ventura County Medical Examiner. Si pensa appunto che sia stato appunto il cyber bullismo a spingerla verso questo gesto estremo. Il fratello ha cercato di lanciare un messaggio contro chi l’aveva bullizzata: “Il bullismo non è uno scherzo. Mia sorella è deceduta e non posso farla tornare. Provo un dolore insopportabile e, nonostante odi ognuno di voi dal profondo del cuore, mi auguro che non dobbiate mai vivere quanto sto vivendo io in questo momento”.

loading...
(3.941 visite totali, 1 visite giornaliere)

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0